venerdì 30 gennaio 2015

30 gennaio 1948: in ricordo di Gandhi


Il 30 gennaio 1948 il Mahatma Gandhi venne ucciso. Come ogni anno lo ricordo con un suo pensiero.


"Il non possedere è alleato del non rubare. Una cosa inizialmente non rubata va considerata rubata se la possediamo senza averne bisogno. Il possesso implica l'accumulo per il futuro. Un cercatore della verità, un seguace dell'Amore, non può trattenere niente in vista del domani. Dio non fa mai scorte per il domani. Dio non crea mai niente di più di ciò che è strettamente necessario per il momento. Se abbiamo fede nella sua provvidenza, dobbiamo essere certi che ogni giorno ci darà ogni cosa ci occorrerà."

M. K. Gandhi




sabato 3 gennaio 2015

Istruzione, benessere e tasso di natalità


Sono passate alcune settimane dalla morte di alcune donne che si erano sottoposte ad un trattamento di sterilizza-zione nello stato indiano del Chattisgarh
Aldilà del dolore e del giusto sdegno, il fatto evidenzia una volta ancora l'inutilità e la dannosità dei programmi di sterilizzazione finalizzati alla riduzione del tasso di natalità. 
Ormai le statistiche e gli studi sull'argomento sono chiari. Rara-mente iniziative volte alla ste- rilizzazione maschile e/o femmi- nile hanno avuto successo e proprio l'India dovrebbe saperlo.
Le grandi e costosissime campa- gne di sterilizzazione organizzate dai governi di Indira Gandhi e portate avanti dal figlio Sanjay, si sono dimostrate dei fallimenti. E così le successive, spesso incentivate con qualche migliaia di rupie, ma raramente incisive.
Nel 2012 in India sono state effettuate circa 4,6 milioni di sterilizzazioni femminili e circa 110mila maschili pari al 37% delle sterilizzazioni di tutto il mondo. Eppure l'India è il paese con uno dei maggiori tassi di crescita della popolazione al mondo e nel 2050 sarà il paese più popoloso al mondo superando la Cina e fallendo tutti gli obiettivi demografici che si era data (clicca qui). Su 7 miliardi e 300 milioni di abitanti sulla terra, attualmente 1 miliardo e 200 milioni sono indiani.
Cosa ci vuole allora? Vediamo alcuni dati raccolti dal sito indiastat e da due pubblicazioni di Amartya Sen che vi consiglio:"L'altra India" e "Una gloria incerta" (Ed. Mondadori).
Per esempio, "il nesso tra alfabetizzazione femminile e fertilità è particolarmente evidente", ugualmente rilevante è il livello di partecipazione delle donne al lavoro e il livello di benesse generale, in Kerala - considerato uno degli stati socialmente più avanzati dell'India, il tasso di fertilità (nascite per donna) è di 1,8 contro il 2,4 del tasso indiano
Tassi di natalità bassi sono anche quelli del tamil Nadu e del Himachal Pradesh
Ebbene il livello di povertà (popolazione sotto la soglia di povertà) del Kerala è pari al 12% della popolazione, quello del Tamil è il 17% e quello dell'Himachal è del 9,5% a fronte di una media nazioanle del 29,8% con punte del 53,5% nel Bihar e del 48,7% dello Chattisgarh.
Per quanto riguarda l'alfabetizzazione femminile invece, a fronte di una media nazionale del 65,5%, il Kerala ha una tasso del 92%, l'Himachal del 76,6% e il Tamil del 73,9 mentre nel Bihar è del  53,3% e nel Chattisgarh del 60,6%.
I dati sulla fertilità sono inversamente proporzionali: nel Bihar è del 3,6%, nel Chattisgarh è del 2,7%, nel Kerala e nel Himachal è dell'1,8% e nel Tamil è dell'1,7%. 
Insomma il tasso di natalità è più alto laddove c'è più povertà e meno istruzione.



Education, welfare and birth rate

It's been a few weeks since the death of some women who were subjected to a sterilization treatment in the Indian state of Chattisgarh.

Beyond the pain and just indignation, the fact shows once again the futility and harmfulness of sterilization programs aimed at reducing the birth rate.
Now the statistics and studies on the subject are clear. Rarely initiatives aimed at male sterilization and/or women have been successful and India should know it.
Large and expensive sterilization campaigns organized by the governments of Indira Gandhi, and run by his son Sanjay, have proved failures. And so the next, often encouraged by a few thousand rupees, but rarely effective.
In 2012 in India were made about 4.6 million female sterilizations and about 110 thousand men, 37% of sterilizations worldwide. Yet India is the country with one of the highest rates of population growth in the world and in 2050 will be the most populous country in the world surpassing China and failing all demographic targets that had been given (click here). On 7 billion and 300 million inhabitants on earth, currently 1 billion 200 million Indians.
What does it take then? Let's see some data collected from the site Indiastat and two publications of Amartya Sen that I recommend: "The Other India" and "An uncertain glory".

For example, "the link between female literacy and fertility is particularly evident", equally important is the level of participation of women at work and the level of benesse general in Kerala - considered one of the most socially advanced states of India, the rate fertility (births per woman) is 1.8 compared to 2.4 in the rate of India

Low birth rates are also those of Tamil Nadu and Himachal Pradesh
Well the poverty level (population below the poverty line) of Kerala is 12% of the population, that of Tamil is 17% and that of Himachal is 9.5% compared with an average of 29 nazioanle, 8% with peaks of 53.5% in Bihar and 48.7% of Chattisgarh.
As for the female literacy instead, compared to a national average of 65.5%, Kerala has a rate of 92%, 76.6% of the Himachal and Tamil 73.9 while in Bihar is the 53.3% and 60.6% in Chattisgarh.
The data on fertility are inversely proportional: Bihar is 3.6%, in Chattisgarh is 2.7%, in Kerala and Himachal is 1.8% and 1.7% is in Tamil.
In short, the birth rate is higher where there is more poverty and less education.